#PADOVA- LA CITTA’ DAI MILLE COLORI

Avete mai provato ad immaginarvi una città e poi ritrovarvi a vederla con un risultato completamente diverso?

Bene, io e Padova abbiamo avuto questo rapporto iniziale: un distaccato sconosciuto, timido.

La conobbi quanto iniziai l’università (ormai quasi 10 anni fa): fu un incontro particolare. Io che provengo da un paesino Monselice cittadina medioevale a due passi da sentieri collinari  (leggi qui per saperne di più), dove mura, castelli e leggende sono come si dice “di casa”, mi ritrovai ad essere accolta in tutta la sua eleganza da lei.

Padova è un un incontro tra due innamorati: ti sorprende la prima volta che la vedi, ti prende e ti fa perdere per le sue particolari vie e ti lascia ammaliato dalla sua bellezza. Ti coccola poi raccontandoti la storia del suo passato ancora oggi molto presente dove la signoria e l’aristocrazia più nobile la si nota ad ogni suo angolo.  Ti  immergi in un vortice di emozioni: amore, odio, invidia e allo stesso tempo grande felicità.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tutto si mescola come in affreschi, magari quelli di Giotto agli Scrovegni o quelli di Giusto dei Menabuoi entrando al Battistero.

Non manca l’anima allegra, bizzarra data dalla grande importanza universitaria che essa ospita che porta questa città ad essere sempre un centro vivo e pieno di giovani studenti. La goliardia è di casa con usi e costumi che in un presente così moderno si prendono il loro spazio dando un tocco di tradizione in più.

Basilica di SantìAntonio

A rendere Padova ancora più affascinante è il centro ricco di negozi e ristoranti con prelibatezze tipiche locali: come non aspettare l’ora di cena con un buon aperitivo Sprizt? O sorseggiare un buon vino dei Colli D.O.P. degustando il crudo di Montagnana?

Padova è una città che da spazio di essere e di ritrovarsi grazie al suo fascino senza età dove si mescolano persone, storia, natura e culture differenti.

Lei è la città dai mille colori.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

COME RAGGIUNGERLA

TRENO: Padova è una stazione importante e che proveniate sa Sud o da Nord con frecce o regionali la fermata qui vi è sempre.

BUS: La linea BUS ITALIA NORD ha buoni collegamenti con la città in quasi tutta la Regione. Da Padova poi è possibile arrivare a diverse destinazioni come stazioni ferroviarie che agevolano il vostro viaggio. Il costo varia in base alla tratta scelta.

AUTO:  – da Milano o Trieste  sulla A4 Milano- Venezia; uscita Padova EST  da Venezia – uscita Padova OVEST  da Milano

–  da Bologna sulla A13 Bologna- Venezia in uscita Padova Sud

I  parcheggi in centro vanno da un costo di 1.00€ all’ora a 2.50€. Il parcheggio principale è a Piazzale Boscotti in via Triste il quale poi è a due passi dal centro. Comodo quindi se si desidera visitare la città. Un altro parcheggio è in Piazza Y. Rabin, ingresso da via Cinquantottesimo Fanteria. Si arriva dalle tangenziali seguendo le indicazioni per Basilica e Prato della Valle.

AEREO: diversi sono gli aeroporti che ci permettono di raggiungere la città.

  • Dal Marco Polo di Venezia prendere l’autobus ACTV  n15 o la NAVETTA ATVO FLY BUS  (€2.00) per poi prendere il treno con destinazione Padova.
  • Il Marconi di Bologna  con L’AEROBUS è possibile raggiungere il centro città di Bologna e la stazione centrale dei treni (€6.00 a persona per una corsa) da cui poi si può prendere quello per Padova.
  • Antonio Canova – Sant’Angelo di Treviso: si possono raggiungere le vicine stazioni di Mestre e Treviso con autobus di linea.
    Per raggiungere la stazione di Mestre si deve prendere l’autobus di linea della linea ATVO EUROBUS SERVICE. Per raggiungere la stazione di Treviso prendere la linea 6 (€ 2.00).In ambedue prendere poi treno per Padova.
  • Valerio Catullo di Verona: vi è l servizio bus che porta direttamente in stazione centrale per prendere il treno destinazione Padova.

 

INFORMAZIONI GENERALI

PadovaCard: è la tessera personale nominativa che permette sconti ed agevolazioni per visitare sia Padova che parte della provincia. Vi sono due tipi di card che variano in base al loro tempo:

PadovaCard 48 ore: costo €16

PadovaCard 72 ore: costo €21

Essa può essere acquistata sia a Padova che Battaglia Terme pressi i punti IAT autorizzati. Se l’acquisto viene effettuato online è necessario comunicare il codice di prenotazione che viene visualizzato alla fine dell’operazione di acquisto on-line.

Per maggiori informazioni: Turismo Padova

Punto IAT Padova: appena scesi dal treno poco prima dell’uscita principale è possibile trovare il punto di informazione turistica. Per un quadro maggiore della provincia: uffici IAT Padova e Provincia

CURIOSITA’

  • Ogni mercoledì che si rispetti vi è il -ormai famoso – mercoledì universitario, giorno nel quale per tradizione gli studenti escono in massa per bere Sprizt e fare festa.OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • Come anticipato la bevanda tipica della zona padovana e non solo è lo Sprizt: dal tedesco Sprizten questo cocktail – che originariamente veniva usato per allungare la gradazione alcolica dei vini forti veneti da parte degli austriaci con bianco frizzante – con gli anni ’20 ’30 del 900 cresce il suo boom dove al posto del vino venne preferito l’Aperol. La tradizione vuole che il pre-cena venga allungata da questo cocktail con particolari stuzzichini che arricchiscono cosi il piacere della conversazione.

Aperitivo

  • Padova è una delle città universitarie in cui la goliardia è più presente con i suoi ordini, i suoi incontri e le feste pubbliche come quella di inizio anno accademico con la corsa dei mezzi strani, la tradizione dei papiri di laurea dove se ne vedono di tutti i colori. Se siete fortunati potrete inciampare in una festa goliardica di rito nei giorni di laurea. Come riconoscerla? Ecco nella foto durante il mio rito.

Laurea

 

 

 

 

 

 

You May Also Like

3 Comments

  1. 1
    • 2

      Ti sei innamorata di una città che non si smentisce mai:) mi fa davvero piacere che ti piaccia e che torni volentieri! Magari la prossima volta, ci si trova a bere uno sprizt

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>