10 cose da vedere a Bergamo Alta

Se qualcuno mi avesse chiesto prima di questo post dove fosse Bergamo e perché valga la pena visitarla, non avrei saputo rispondere perfettamente. Forse vicino Milano? Forse più verso Torino? Sì lo ammetto, non conoscevo assolutamente dove fosse localizzata nonostante io ami la geografia. 

Grazie però al blogtour organizzato da VisitBergamo e Guide Turistiche Città di Bergamo ho avuto modo di scoprire una città meravigliosa nel bel mezzo del territorio lombardo (ora ve lo posso confermare!).

In questo post vi porterò a conoscere 10 cose da vedere a Bergamo Alta tra le varie curiosità e un pizzico di storia. Si perché dovete sapere che questa città è divisa in due: Berghem de sura e Berghem de sota (Bergamo di sopra e Bergamo di sotto). 

 

10 COSE DA VEDERE A BERGAMO ALTA: 

TORRE DEL GOMBITO

Situata proprio nel centro della città, con i suoi 52 m d’altezza la Torre del Gombito è ora sede del turismo. Essa  è il centro di partenza di Bergamo. In che senso? Bergamo Alta venne divisa in tempo romano in cardine e decumano dove lo 0 partiva proprio da qui. Gombito infatti deriva dal latino Compitum cioè contare. In questo caso la Torre funge da partenza per contare le vie per poter visitare la città o rientrare a casa se si è residenti. 

 

PIAZZA MERCATO DEL FIENO

Chiaro esempio di come le torri di origine medioevale sono state trasformate ad uso abitativo durante il periodo veneziano. 

EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO

Oggi sede del Museo delle Storie di Bergamo, sorge a pochi passi dalla piazza del mercato.  Particolare la sua presenza in pieno centro storico è stato sconsacrato da Napoleone Bonaparte nel ‘700. Attualmente ospita mostre temporanee ed è possibile vedere affreschi di epoca medioevale. All’interno sono presenti due chiostri: uno grande del pozzo ed uno più piccolo che permette di osservare i bellissimi colli che circondano Bergamo grazie alla sua posizione proprio a ridosso del colle su cui sorge.  

 

PIAZZA MERCATO DELLE SCARPE

Passando per Via Pancrazio (via nobile dove son presenti palazzi amministrativi e botteghe di metalli ed orefici), si giunge alla Piazza del Mercato delle Scarpe. Essa era sede dei calzolai (non solo scarpe ma, tutti coloro che lavoravano i cuio). Proprio qui si raggruppano 7 vie che si intersecano in questa piazza. 

Questo perchè Bergamo si trova in un punto strategico storicamente: vicino al confine a nord, a ovest della Repubblica di Venezia e con un confine naturale dei fiumi Brembo ed Adda che delimitava il Ducato di Milano. Ecco quindi che le vie vennero poste in direzione in base a dove si volesse andare o da quale si provenisse. 

 

FUNICOLARE

Essa è il mezzo che collega Città Alta a Città Bassa se non si vuole percorrere i sentieri che son stati costruiti lungo le mura Veneziane che circondano Città Alta.

Costruita a vapore intorno la seconda metà del 1800 venne creato un varco per poterla far arrivare in cima. Questo agevolò moltissimo la discesa e risalita dei cittadini: non era affatto facile percorrere le salite presenti e sopratutto in quel periodo Città Alta vide un grosso spopolamento. 

Oggi è elettrica e grazie alle grandi vetrate permette di godersi un piccolo scorcio della città man mano che si sale o scende. 

 

MURA VENEZIANE

Dal 2017 sono entrate a far parte del Patrimonio DELL’UNESCO. Sono un’esempio di grande fortificazione realizzata durante il periodo della Repubblica di Venezia. 

Non cito molto di più in quanto, grazie all’opuscolo che il Comune di Bergamo ha realizzato e che trovate qui avrete più informazioni sulla storia e su cosa vedere lungo le bellissime mura!

LA ROCCA

Il complesso della Rocca è sempre stato per uso difensivo. Il Mastio permette una visione della città alta e il territorio circostante.

Attorno al mastio sono presenti quattro torri collegate tra loro da camminamenti. Ad oggi il complesso è luogo di memoria cittadina riguardanti gli eventi politici- militari e dei due conflitti mondiali. 

La vista che regala il giardino circostante il complesso è assolutamente da vedere: consiglio al tramonto per la vista di piazza vecchia e piazza duomo. Ancor meglio per vedere una parte di quella che è Bergamo Bassa. 

PIAZZA DUOMO

Cuore religioso della città presenta il fascino architettonico e scultoreo: Battistero, Cappella Colleoni, Basilica di Santa Maria Maggiore e il Duomo. 

DUOMO – CATTEDRALE DI SANT’ALESSANDRO

Sorge accanto alla Basilica. L’esterno molto piatto rispetto ai vicini monumenti religiosi presenta un’interno con navata unica dove troviamo diverse opere di rilievo e dipinti ed affrechi come la cupola centrale. 

Qui è possibile visitare la cappella dedicata a Papa Giovanni XXIII dove sono presenti alcune sue reliquie. 

Parto da questo luogo data la sua nudità architettonica rispetto agli altri complessi. Consiglio, quindi, di partire con la visita proprio dal Duomo. 

IL BATTISTERO

Un pò in disparte rispetto al resto, il battistero è tutt’oggi utilizzato per la funzione da cui prende il nome. Il perché della suo distacco rispetto al resto del complesso religioso è dovuta in seguito alla sua costruzione iniziale. In principio si trovava infatti all’interno della Chiesa, ma data la sua grandezza, si decise di spostare la fonte battesimale all’interno del Domo stesso.

Smontato e rimontato quindi, oggi lo vediamo nel massimo del suo splendore con un’aggiunta della base di cemento per essere in asse con il resto della piazza.

 

CAPPELLA COLLEONI

Cappella funebre della famiglia Colleoni balza subito all’occhio per la sua bellezza e la sua maestosità con marmi rossi e bianchi tipici del Rinascimento italiano.

Non vi è bisogno di pagare il biglietto d’entrata ma, come ogni luogo religioso non è possibile fare foto. All’interno sono presenti quattro angoli con vele e navette sono opera di Giambattista Tiepolo di cui troviamo anche una pala d’altare all’interno del Duomo. 

Bartolomeo Colleoni fu tra i capitani di ventura sotto il comando della Repubblica di Venezia.Prima mercenario molto potente e pericoloso: collaborò e lavoro al servizio dei più potenti del tempo (intorno al 1400). 

La particolarità di questa cappella sembra essere che Colleoni non aspettò la risposta per poterla costruire, ma fece abbattere in una notte la Sacrestia della Basilica Santa Maria Maggiore.

 

BASILICA DI SANTA MARIA MAGGIORE

per gli amanti della musica classica e non è doveroso far un salto alla Basilica. Al suo interno infatti, risiede la tomba di gaetano Donizetti, celebre compositore italiano.

Non solo, la Basilica ha una storia antica e particolare: nacque come chiesa romanica e ne conservò lo stile fino a quando il cardinale Borromeo -qui in pieno periodo di maggiore influenza del protestantesimo -per aumentare la credibilità e mantenere il cattolicesimo come unica religione, fece riempire la Basilica di particolarità e di ricchezza: affreschi, arazzi, pannelli decorativi.

Un altra particolarità di questa Basilica è che a differenza delle chiese costruite in epoca medioevale, l’altare non si trova di fronte l’ingresso principale. Essa infatti non era di pertinenza della curia ma era una Basilica civica, ancora oggi di proprietà del comune. Ecco perché ad ovest, dove si sarebbe dovuto costruire l’ingresso principale, sorgeva il palazzo del vescovo, che non avendo alcuna giurisdizione su questa chiesa non ha sponsorizzato la costruzione dell’ingresso dal lato del suo palazzo.

PIAZZA VECCHIA

Proprio accanto alla Piazza Duomo, polo religioso sorge Piazza Vecchia dove sorgono gli edifici di maggior interesse della Città.

TORRE CIVICA

Domina la piazza la Torre Civica edificata dalla nobile famiglia dei Suardi nel XI-XII come casa torre diventando la più alta su tutta Bergamo.

Passa sotto il controllo comunale diventando proprietà del podestà.  Nel 1600 venne impreziosita di un orologio tutt’ora funzionante e la grande campana, da cui l’epiteto Torre del Campanone, oltre ad annunciare le riunioni del consiglio comunale, tutte le sere alle 22,00 batte i 100 rintocchi, in memoria dell’antico coprifuoco. Quest’ultimo avvisava i cittadini della imminente chiusura delle porte di ingresso della città. 

Vi è la possibilità di accedervi tramite scalinate o comodo ascensore. Occhio però che ogni mezz’ora partono i rintocchi e potreste essere colti di sorpresa.

PALAZZO DELLA RAGIONE

Nasce come uno dei primi palazzi comunali italiani e ospitava le assemblee pubbliche della città. Si chiama così perché durante l’epoca veneziana fu sede del tribunale fino all’arrivo di Napoleone. Sorge accanto alla torre civica. 

PALAZZO NUOVO

Proprio di fronte al Palazzo della Ragione sorge la sede della biblioteca comunale. Esso presenta una facciata completamente bianca ma, in origine, era invece costruito in mattoni rossi. 

 

PARCO DEI COLLI

Bergamo Alta fa parte del parco dei Colli, che si estende per più di 4000 ettari. Al suo interno vi sono diversi sentieri, attrazioni turistiche -come il Castello di San Virgilio o l’orto botanico. Il Parco dei Colli è il terzo parco a livello regionale. 

 

Con questo post speriamo di aver soddisfatto almeno un pochino la curiosità di vedere Bergamo Alta. Vale la pena una visita in questo capoluogo di provincia unico come posizione e particolarità.

 

 

Cosa ne pensate? Cosa vi piacerebbe di più se doveste spendere del tempo nella città?

Siamo curiosi di sapere le vostre opinioni!

20 Comments

  1. 1

    Che bello questo post. E sono di parte perché io vivo a due passi da Bergamo e il mio blog http://www.cosedibergamo.com parla proprio di tutte le cose che si possono dare e vedere a Bergamo e provincia. Ritrovare gli stessi luoghi così ben fotografati su questo post mi ha emozionata.

  2. 2

    Che meraviglia, mi avevano parlato di Bergamo Alta ma il tuo articolo mi ha invogliato a visitarla. È veramente molto bella!

  3. 3
  4. 4
  5. 5

    Anch’io ho scoperto Bergamo da poco, l’ho presa in considerazione perché avevano un volo che partiva in piena notte, quindi abbiamo pensato di fare una giornata a Bergamo prima di imbarcarci… ed è stato amore a prima vista!

  6. 6
  7. 7
  8. 8

    Sono abbastanza vicina a Bergamo, ma è tanto tempo che non organizzo una visita. Mi hai fatto venire voglia di tornarci!

  9. 9
  10. 10
  11. 11
  12. 12

    Sai che ci sono stata ma solo velocemente, a cena. Infatti mi ricordo poco, neanche mi ricordo il duomo, bellissimo. Come anche l’ex convento, DA VEDERE direi!!!

  13. 13
  14. 14
  15. 15
  16. 16
  17. 17
  18. 18

    Io ho vissuto in provincia di Bergamo per i primi 16 anni della mia vita. E come non sapevi dove fosse? Accidenti come c’insegnano male la geografia a scuola (a me per prima) 😀 Beh, sono contenta che ti sia piaciuta e che comunque comincino a presentarla come possibile città turistica…

  19. 19
  20. 20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>