Holi festival: la primavera a mille colori

In Europa e nell’America del Nord ormai sta diventando sempre più di tendenza. Attira milioni di giovani che sono alla ricerca di divertimento diverso da quello classico e ormai di routine.

Nato in India e in Nepal secoli fa l’Holi Festival – non Holy che significa santo– ma Holi è ormai conosciuto ed apprezzato anche nella realtà occidentale.

Holi cioè bruciare come appunto avviene agli inizi del festeggiamento con il grande falò in corrispondenza della luna piena in cui viene bruciato simbolicamente il simbolo del male.

Questo rito è molto importante della cultura iduista perché rappresenta il momento della meditazione e della ripresa della pace dopo la sconfitta dei demoni.


Cos’è e come si festeggia l’Holi Festival?

Tutto parte da un antico rito induista in cui si celebra la vittoria del bene sul male: il rituale si rifà al re demone che rivendicava la perdita del fratello minore attraverso la morte del suo stesso figlio che era rimasto devoto a Vishru (il bene). Il rogo era la sua condanna ma, grazie alla sua fede e devozione si salva e riduce in cenere il male.

La vittoria quindi del bene (il figlio) sul male incarnato dal re demone (il padre).

Vengono celebrate due giornate in cui in una ci si lascia alle spalle il negativo, il passato pagando i debiti ed eliminando ogni sgarbo fatto e ricevuto attraverso enormi falò la notte precedente ai festeggiamenti.

La giornata per cui si ricorda la bellezza di questo festival è la seguente dove, danze, canti divertimento e lo stare insieme sono il fulcro della giornata.

Per mantenere lo spirito positivo e felice si lancia addosso le polveri indiane che in originale sono composte da piante e spezie varie. Questo gesto serve a mantenere lo spirito di festa e di spensieratezza.

In questi giorni tutti sono uguali: ricchi e poveri, uomini e donne. Nessuno è diverso. Nessuno è. Tutti sono.


Cosa significano i colori?

I colori che vengono utilizzati han un significato preciso e per far in modo che le polveri rimangano attaccate viene sparsa anche dell’acqua.

In origine l’utilizzo dei colori aveva lo scopo di esprimere lo stato d’animo e di chiedere di migliorare la propria vita.

Dove si festeggia?

L’Holi Festival si festeggia in diverse parti dell’India ma anche nei paesi con grossa rappresentanza induista.

Nelle variazione dell’India la festa prende vari nomi e varia. seconda della zona. Più religiosa a Sud mentre a Nord più commerciali e dettati dal consumismo moderno.

Cosa pensate, un giro in India ne vale ancor più ala pena?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.