LONDRA: dove alloggiare?

Londra: una delle capitali europee al top delle classifiche tra le mete dei giovani grazie al suo melting pot culturale e alla sua ricchezza artistica.

Sede della monarchia britannica, ma anche degli svaghi nei vari club ha qualcosa che affascina chi più chi meno e almeno una volta sarà meta dei vostri viaggi.

Per chi è alle prime armi con il clima e gli usi degli Inglesi, ricordatevi:

  • bere il thè alle 5pm;
  • fare colazione abbondante con pancetta e salsiccia accompagnate da due uova che possono essere all’occhio di bue o sode;
  • aver con sé un ombrello in caso di pioggia (99% dei casi);
  • rimanere sempre a destra quando si prendono le scale automatiche per scendere o salire alla metro (tube);
  • guadare prima a destra e poi a sinistra prima di attraversare la strada;
  • il rubinetto del bagno ha sempre due manopole una per l’acqua calda e una per quella fredda;
  • non vi è il bidè per lavarsi nei bagni quindi ricordatevi di portarvi sempre un pò di carta in più o se proprio un paio di mutande di riserva;

ma sopratutto ricordatevi che in quasi tutte le case, ostelli ecc. regnerà la carta da parati e la moquette sul pavimento!

Specifico questi due ultimi punti perché noi italiani specialmente non siamo abituati a dormire con una parete che sembra staccarsi e venire verso di noi e men che meno sprofondare con le scarpe nel sofficie del suolo sottostante i nostri piedi.

Può essere divertente, sicuro, ma chiedetelo agli asmatici o allergici di polvere!

Detto ciò vi porto dove alloggiare a Londra in tre ostelli che personalmente ho ritenuto comodi, economici e attrezzati quanto basta per un soggiorno medio-breve nella  capitale britannica. 

Prima di elencarvi cosa ognuno offre e le varie pro e contro, premetto che soggiornare in un ostello non è un trattamento a 5 stelle dove troverete colazione su quattro piani con vassoi colmi di cibo pronta ad essere vostra, bagni privati con toilette a vostra misura di chiappe e tanto meno letti con materassi aderenti alla vostra forma del corpo, non stanno di certo facendo campagna pubblicitaria a qualche ditta!

Sottolineo ciò perché spesso si confonde la comodità che può essere data da un hotel/b&b ad un alloggio nato principalmente per viaggiatori di passaggio (nel libro “viaggiare nel Medioevo” viene ben specificato come la forma di scambio tra oste e ospitato fosse basata sull’ospitalità notturna e non vi era per nulla interesse nella comodità poichè era solo luogo dove sostare una o più notti).

FERMATE TUBE PER GLI OSTELLI

FERMATE TUBE PER GLI OSTELLI

Giungo quindi alla mia esperienza di viaggiatrice per Londra. Ho menzionato tre ostelli prima. In effetti ho avuto, indirettamente, la fortuna  di alloggiare in tre zone differenti di Londra in meno di un mese (ve le ho segnate nella cartina – scusate le stelline, ma con i cerchi avevo difficoltà)!

Londra e’ divisa in 32 borough (più o meno come se fossero piccole cittadine all’interno di una grande città, sono molto più che i quartieri a cui siamo abituati in Italia.) Poi ogni borough e’ diviso ancora in zone.

 

 

Mi soffermo ancora qualche riga spiegando che in base alla zona e quanto si dista dal centro di Londra, i prezzi e i costi sono indirettamente proporzionali alla propria idea di svago. Mi spiego: in centro a Londra quasi tutto viene a costare lo stesso che magari in zona 3 o 4 potreste sfruttare in una o più notti. Certo la comodità del centro sta nello spostarsi a piedi.

Una buona ed attenta ricerca però vi permetterà di riposare dopo aver saluto la Regina dal vostro balcone affacciato a Bachingan Palace.

Veniamo a noi. La prenotazione la faccio sempre dal sito HostelWord.com o HostelClub.com.

RESTMUP HOSTEL

                 3. RESTUP HOSTEL

Da una ex sede militare a un ostello per giovani viaggiatori. Direi che il salto è al quanto bizzarro ma azzeccato.

PRO di questa mia scelta:

  • La struttura offre una reception 24/24 con una comoda anche se piccola living room dove potete oziare leggendo libri, ascoltando musica e magari stuzzicando qualche snack grazie al servizio bar aperto tutto il giorno.
  •  cena su prenotazione ed a pagamento mentre per pranzo non occorre prenotare
  • bagni ben distribuiti nei piani e spesso ben puliti (ho visto l’omino passare a pulire mattina, sera)
  • collegamento a prese per ricaricare quasi ovunque nelle sale comuni con wifi
  • collegamento con la tube a 5 minuti a piedi e fermata autobus di fronte l’uscita
  • vicino a supermercati
  • prezzi medio bassi

 

CONTRO

  • le prese nelle stanze non sono a sufficienza quindi spesso vi trovate a dover scendere e non poter magari far altro nel mentre il vostro pc o telefono ricarichi (magari studiarvi un pò l’itinerario?)
  • non viene offerta la  colazione
  • la zona è al di fuori da locali quindi dire “esco faccio due passi” lo sconsiglio
  • pagamento dell’adattatore in caso di necessità
  • carta magnetica per accedere alle stanze a volte non molto funzionante

Nel complesso lo consiglio data la buona vicinanza ai mezzi e la comodità di far qualche acquisto nel caso. La gentilezza del personale e la pulizia quasi sempre presente non fan disdire un pernottamento qui.

 

2. LONDON BACKPACKER

   2. LONDON BACKPACKER

 

Appena uscita dalla metro non avevo ben capito che proprio dietro l’angolo quel colore arancio fosse l’ostello! Alloggiare a Londra per ostelli è così: ti trovi sempre sprovveduto alla loro particolarità!

PRO:

  • davvero comodo con i mezzi sia bus che metro
  • locali/supermercati nelle vicinanze più assolute
  • prezzi vantaggiosi molto economi che includono anche la colazione (abbondante potete mangiare quanto volete- ovviamente non approfittatene! )
  • camerate miste con ogni letto la propria tendina/luce e 2 attacchi alla presa sempre nel letto e presa cavo usb – questo mi ha permesso di leggere o guardare il cel fino a tardi senza disturbare nessuno e devo dire che è stata una grande comodità
  • porta valigia sotto ad ogni letto castello con numero di letto di riferimento
  • docce divise tra donne e uomini
  • doppia sala relax
  • cucina self service con possibilità di aver un proprio spazio
  • pulizia molto buona (la ragazza delle pulizie passava mattina e sera! in più questo ostello ospitava volontari che in cambio di vitto ed alloggio mantenevano pulito ed in ordine)
  • presa per la corrente nelle sale comuni quasi ovunque con rete wifi

 

 

CONTRO

  • la comodità della metro è però penalizzata dalla lontananza di questo ostello. Esso si trova nella zona tre abbastanza costosa come abbonamento.
  • non sempre lo spazio per il porta valigia era sufficiente quindi spesso si inciampava su zaini e borse in mezzo alla stanza di altri

Nonostante la distanza dal centro devo dire che questo ostello mi ha colpito molto. Un grazie alle tendine e luce nel letto mi han davvero sorpresa! Scherzi a parte questo ostello è di ottima qualità per chi come me viaggia low cost.

 

LowRes-SmithandScholey_MG_2502-355x237

         1.ASTOR HYDE PARK

 

Nel quartiere più bello e lussuoso di Londra, Astor Hyde Park è per me il primo grande ostello della capitale. A 50 metri dal Kensington Gardens/Hyde Park  è circondato da alcuni dei migliori musei di Londra, tra cui il Victoria and Albert Museum e il Science Museum.

Ha vinto il 3 ° posto come catena di ostelli agli Hoscars del 2009 ed è facile capire il perché: un critico ha detto che questo è ‘un ottimo ostello, se siete alla ricerca di un posto centrale a Londra senza pagare una fortuna’.

Credo che per esserci capitata per caso, ne è valsa totalmente la pena!

Non vi sono contro, quindi vi elenco altri motivi, oltre a quelli riportati sopra per il quale alloggiare qui è un lusso:

  • il palazzo in stile vittoriano oltre ad essere bello internamente ed esternamente ha sale molti ampie dove ognuno può trovare il suo spazio
  • lo stile giovanile mescolato con quello passato risalta e vi da un senso di casa e di sicurezza oltre a quella prevista dalla reception 24h
  • le stanze contenute hanno il  bagno in camera (ottima cosa se si pensa alla pulizia e la possibilità di privacy)
  • cucina spaziosa con sala da pranzo luminosa dove poter far colazione che è inclusa ed abbondate
  • vengono serviti in aggiunta al wifi anche the, caffè, zucchero e l’adattatore – sembra una cosa da poco, ma per chi viaggia spesso non spendere soldi per cose semi superflue se non per una permanenza lunga sono essenziali
  • possibilità di cucinare e mantenere conservato il proprio cibo nelle dispense
  • lavatrici e porta bagagli non a pagamento
  • a due passi da bus e metro
  • possibile uscire la sera ed essere circondati da pub e ristorantini
  • supermercati a pochi metri
  • personale cordiale e gentile
  • ogni sera un tema diverso e quindi possibilità di socializzare con più persone e aggiungere quel tocco di famiglia per chi magari è in solitaria
  • prezzi molto convenienti per zona e struttura

 

 

Credo che Londra abbia moltissimi altri ostelli e che questi non siano gli unici che possiate visitare e apprezzare. Ho ritenuto importante darvi un aiuto perchè le ricerche a volte sono pesanti ed avere qualche idea già in mente facilita la scelta.

Gli ostelli sono sempre la mia scelta: oltre che il risparmio mi fan conoscere persone nuove e mi riportano  in quel concetto che per noi viaggiatori è pane quotidiano. Sentirci cittadini del e nel mondo.

Buon soggiorno a tutti!

 

 

 

 

 

 

 

 

3 Comments

  1. 1

    Londra, una di quelle città che riesce a farti sentire sempre a casa..!
    Iacopo è “malato” di Londra è sicuramente la prossima volta che ci torneremo terremo a mente i vostri consigli ragazzi!!

  2. 2

    Non ho mai alloggiato in un ostello, però hai scritto un post ricco di info utili per chi cerca una sistemazione del genere.

  3. 3

    Sono stata a Londra sono una volta ed ho alloggiato a casa di mia sorella. Vorrei però tanto tornare presto e sicuramente i tuoi suggerimenti mi saranno utilissimi Gloria! Davvero un bel post 😉

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto