Sleddog in Tasmania? E’ possibile

Nel mio viaggio in Tasmania ho appreso come questa terra sia un luogo spettacolare. Quest’isola così particolare ed insolita ha molto da offrire sia dal punto di vista naturalistico, sia da quello umano: si vive in maniera molto tranquilla e sociale.

Qui ho avuto il piacere di conoscere molte persone diverse tra loro e di apprendere cose uniche da ognuna di essa.

In particolare ho vissuto per quasi un intero anno presso una famiglia che come hobby ha l’amore per i cani husky.

Prue e Peter De Vries infatti, oltre alla loro azienda biologica di verdure e frutta stagionale (Eatem Orgnic Farm) hanno coltivato questo loro interesse facendolo diventare un’attività sportiva a tutti gli effetti. La caratteristica particolare di questa famiglia è che da un solo husky, la casa si è affollata di quasi 20+ amici a quattro zampe. Tutti molto diversi, sia esteticamente che di carattere. Hanno però un fattore in comune: essere stati salvati dal peggio.

12341387_509073862603272_3238602439267038614_nI De Vries hanno a cuore questi animali così tanto da far parte dell’associazione internazionale di Rescue Husky e, data la loro possibilità di spazio aperto, hanno iniziato personalmente ad aprire le porte (in tutti i sensi) a questi magnifici esemplari. Da Pandora, la prima a far parte di questa grande famiglia a Styx il disturbatore a Kiva la reginetta, tutti con passati particolari dove ora hanno trovato una nuova casa.

Peter e alcuni dei cani

Peter e alcuni dei cani

Prue in un abbraccio peloso

Prue in un abbraccio peloso

Prue, oltre ad amare i pelosi ha un altro grande sogno: poter andare in Alaska e provare l’attività di sleddog. Lo sleddog è molto praticato in Nord Europa e nelle regioni fredde come appunto l’Alaska e nelle montagne australiane.

Cosa è lo sleddog?

Lo sleddog (sled=slitta + dog=cane) non nasce come uno sport, ma come una necessità. Rappresentava un mezzo di trasporto che consisteva in slitte trainate da gruppi di cani (mute), che erano per lo più di razza nordica (Siberian Husky, Groelandese, Alaskan Malamute, Samoiedo).

L’impiego dei cani per il traino delle slitte fu opera delle antiche popolazioni siberiane. Questi gruppi nomadi usavano le slitte non solo per spostarsi ma, anche, per trasportare carne, pellame ed altri utensili. Inoltre i cani erano alquanto efficienti ed molto veloci potevano dare un contributo anche alle battute di caccia.
I cani da slitta e più in generale lo sleddog furono i grandi protagonisti della “corsa all’oro” dove, i pionieri si spostavano con tutti i loro attrezzi esclusivamente avvalendosi delle propria muta di cani da slitta.

Prue, insieme a Peter ed al figlio Alex, iniziarono nel 2014 a far diventare questo sogno realtà: il tutto cominciò con una slitta a ruote che serve per l’allenamento e ad allenare i cani ogni mattina nella pista costruita nel loro possedimento di terreno lunga più di 3km.  In coppia, singoli o a gruppi i quattro zampe sembrano tutti di casa in questa disciplina.

11164639_449198268590832_2247461907498444811_n

Durante una competizione

11873400_475390239304968_2596121675529914560_nDecisero di postare nella loro pagina di svago su Facebook le avventure dei cani. La famiglia, sempre più sollecitata a partecipare a gare, con il 2015 iniziano così le loro prime competizioni su neve nei pressi di Melbourne ed i risultati non tardarono ad arrivare.

Ad oggi i De Vries sono la prima famiglia che in Tasmania pratica quest’attività e che accolgono nella loro casa animali Rescue.

Prue nella prima competizione

Prue nella prima competizione

Peter e Prue in viaggio

Peter e Prue in viaggio

Prue e Peter solitamente cercano di partecipare alle competizioni nazionali che vengono svolte nel Continente australiano ogni inverno. 

 

Alcuni dei loto cani, compreso Jasper e Ally (non husky)

Alcuni dei loto cani, compresi Jasper e Ally (non husky)

Hanno da poco fondato l’associazione Tasmania sleddog che potete trovarla nella pagina Facebook Sled Dog Adventures Tasmania.

Se passate per l’Australia vi consiglio un soggiorno presso di loro (potete trovarvi anche nel libro Woof) per diversi buoni motivi, oltre alla generosa e unica ospitalità che sanno dare, vi sentirete coccolati tra mille diversi folti peli.

Un’esperienza diversa, insolita e che porterete sempre con voi.

You May Also Like

6 Comments

  1. 1

    No, ma come ho fatto a scoprire solo ora di questo fantastico posto? Non mancherò assolutamente di visitarlo la prossima volta che andrò in Tasmania!

  2. 2

    Beh, che dire… straordinario! Associavo questa attività alla Groenlandia, Polo Nord eccetare, e invece no! Anche dall’altro capo del mondo, che diiventa sempre più affascinante per me!

  3. 3

    Oddio che meraviglia!
    Io non posso viaggiare (per ora) e infatti non lo faccio ma ma la Tasmania è una delle destinazioni che mi piacerebbe molto, i cani li amo alla follia e quindi questo sarebbe il mio viaggio ideale, che invidia buona 🙂

  4. 4
  5. 5

    Ma dai, che figata! Mai avrei pensato che ci si potesse appassionare a un’attività simile in Tasmania! Complimenti ai tuoi amici per la loro passione per i cani! 😀

  6. 6

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.