TASMANIA: i suoi 10 animali più particolari

La Tasmania, l’isola più a sud dell’Australia. Il polmone verde di questo Continente è anche l’isola dove vi sono animali decisamente insoliti e che solo qui per molti  è possibile incontrare.

La Tasmania meno conosciuta, quella dove lo sleddog sta prendendo sempre più piede con la capitale Hobart, punta di diamante dell’isola mi ha fatto amare oltre che il suo paesaggio anche chi ci vive. 

La piccola isola dell’Australia ha una sua fauna unica grazie al fatto di non essere stata abitata dall’uomo fino alle epoche più recenti. Il 37% del territorio della Tasmania è coperto da parchi e riserve naturali: proprio per questo, partire per un viaggio alla scoperta dei suoi animali e della sua natura mi sembra un’ottima idea! Con macchina fotografica carica, binocolo e scarponcini da trekking ben allacciati si può partire alla ricerca della Tasmania più selvaggia.

 

DIAVOLO DELLA TASMANIA

Pelo nero, piccolo ma robustissimo marsupiale dalle cui urla e lamenti riecheggiano in tutta l’isola e di notte fanno davvero pensare che un diavolo sia parte di essa. Sì, non è di certo il caro e simpatico Taz che tutti noi conosciamo in versione cartone animato! Difficile vederlo durante il giorno, molto più facile sentirlo di notte al calar del sole. I suoi lamenti li si possono sentire fuori dai grandi centri, dove il Bush australiano è di casa e dove il diavolo è il re indiscusso. 

 

WALLABY / PADERMELON DELLA TASMANIA

wallaby

Si sa che l’Australia è famosa per i canguri. Un animale speciale però che si trova proprio qui è una delle categorie di canguri: Wallaby. Più piccoli dei cugini del Mainland dal collo rosso. Nella Est Cost, specie nel parco del Freycinet National Park è possibile avvistare il Padermelon della Tasmania. Questi marsupiali sono spesso molto difficili da avvicinare. 

Da Nord a Sud specie nei grandi parchi naturali ma anche lungo le strade secondarie (sono causa di molti danni alle auto se non incidenti specie serali poiché ammaliati dai fari delle auto saltellano verso di esse).  Ho avuto il piacevole incontro con essi proprio al Parco citato sopra e di poter ammirare una bella famigliola che come me voleva prendere un pò di sole sulla meravigliosa spiaggia bianca. 

 

MEGATTERE / I PINGUINI MINOR BLUE

La costa della Tasmania frastagliata e dominata da alti faraglioni è però anche un luogo dove ammirare animali incredibili. Le fredde acque del Mar di Tasman e dell’Oceano Indiano sono popolate da gruppi di Megattere che migrano stagionalmente verso i tropici o il Polo Sud. Great Oyster Bay è il luogo giusto per avvistarle, da marzo a novembre comodamente seduti sulla roccia del litorale, da dove potrete ammirare anche enormi colonie di Pinguini Minori Blu.

 

ROSELLA VERDE 

Monte Cradle domina l’interno della Tasmania. Esso è circondato da una serie di riserve naturali completamente selvagge, come il Lake St. Claire National Park. Meta degli appassionati di hiking e camminate nella natura in queste riserve di giorno sono allietate dai colori sgargianti dei volatili, come la variopinta Rosella Verde.

 

BALIA VENTRE ROSA

Proprio come la Rosella Verde, la Balia ventre rosa è uno splendido uccello che si può osservare nel Nord della Tasmania  nelle riserve naturali. Particolare per il manto rosa che ambe due i sessi espongono fieri, in Tasmania vi è anche una sua sottospecie: la rodinogaster.

 

ORNITORINCO

Devo ammettere che i documentari sugli animali ne ho visti moltissimi e mi sono sempre chiesta se un giorno avrei mai avuto il piacere di pote vedere questo animale. Particolare ed unico: è infatti un miscuglio di specie più familiari l’anatra (per il becco e per le zampe palmate), il castoro (per la coda), e la lontra (per il corpo e per il pelo). I maschi sono anche velenosi. Sui talloni delle zampe posteriori hanno speroni pungenti che possono usare per attaccare con il veleno qualsiasi nemico.  

Sono riuscita a vederli nel sud della Tasmania dove proprio in un paesino Geevestoon loro si riproducono (sono mammiferi che depongono le uova, unici al mondo insieme al prossimo animale) e trovano conforto nelle acque dei fiumi che circondano il paese.

Curiosità: lo possiamo trovare sulla moneta da 20 cent!

ECHIDNA

Animale strano devo dire. Molto particolare. Assomiglia ad un riccio ma ha la lentezza di un bradipo. Belli a vedersi con questo naso allungato e un pò goffi con artigli sulle zampe molte corte che permettono di scavare e trovare il cibo. Non è semplice avvistarli ma nelle zone del Nord se attenti e prudenti magari vi passa la strada proprio come è successo a me!

La curiosità su questo animale è che è presente sula moneta da 5 cent!

 

VOMBATO

Io lo amo! Semplicemente l’animale strano e coccolo della Tasmania. I suoi ritmi sono lentissimi, tanto da impiegare svariati giorni per digerire. Non vi fate però ingannare dal suo aspetto inoffensivo: il vombato è estremamente territoriale ed è in grado di inseguirvi ad una velocità di 40 km/h per oltre un minuto e mezzo. Quando vi avrà raggiunto vi riempirà di graffi e morsi, e voi, presi in contropiede da questa aggressività così ben celata, non potrete farci proprio nulla. Insomma coccolone si, ma a distanza! 

La sua particolarità sta nel suo fondo schiena: Il sedere del vombato è “foderato” da uno strato durissimo di pelle e cartilagine, ed è inoltre privo di coda. Perchè possa servire un didietro corazzato nel bel mezzo dell’outback australiano? Immaginatevi quando il predatore di turno si mette all’inseguimento del vombato, questo si butta a capofitto nel primo dei buchi disponibili, creando con il suo sedere a prova di denti un effetto tappo, risultando inattaccabile. Che dire, è davvero il più simpatico di tutti. 

 

EMU’ 

Il secondo uccello più grande al mondo dopo lo struzzo. Con le sue zampe lunghe può percorrere anche i 50 km/h. La loro caratteristica è sicuramente la pelle blu. Io l’ho visto allo zoo ma vive in zone paludose o foreste in gruppo. Non mi è stato molto simpatico specie perchè tentava di prendermi i capelli. Questo animale è proprio strano!

 

IL SERPENTE TIGRE

Ed eccoci arrivati all’animale che più ho avuto timore di incontrare e che ahimè, l’ho incontrato più volte! Molto pericoloso questo serpente si aggira lungo fiumi, paludi e cerca sempre corsi d’acqua dove riposare. Non è difficile immaginare perché spesso lungo le strade e nelle case di amici tasmani, ai margini dei propri confini territoriali si trovino gomme rovesciate piene di acqua! Un modo per tenerli distante dalle abitazioni considerando che possono arrampicarsi fino a 10 metri!

DIREI CHE COME ANIMALI PARTICOLARI CI SIAMO.

COSA DITE, VI PIACEREBBE INCONTRARNE ALMENO UNO DI LORO?

 


Alcune di queste foto sono tratte da Google

You May Also Like

35 Comments

  1. 1
  2. 2
  3. 3

    Adoriamo gli animali, ma sentire i lamenti del diavolo della Tasmania durante la notte è agghiacciante. La Balia ventre rosa invece è molto carina

  4. 4
  5. 5

    Adoroooo questo post!! Che dolce il vombato! Per non parlare del pinguino Minor Blue.. vorrei vederli tutti! Compreso il serpente tigre, anche se da lontano 🙂

  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9

    Gloria ti svelo un segreto ho paura degli animali quindi un giro come quello che hai fatto tu lo posso solo leggere 😉 carina la balia dal ventre rosa , ma non lo toccherei mai!

  10. 10

    Che dire, gli animali sono forse la cosa più caratteristica dell’Australia. Per me è stata un’emozione vedere in natura i koala (addirittura ho assistito, da guardona, ad una scena di accoppiamento: ma non volevo, è che mi hanno attirato gli urli assurdi che emettevano entrambi!) più ancora che i canguri, e ricordo ancora con l’adrenalina in corpo quando ho nuotato accanto agli squali della barriera corallina (anch’essa esperienza non voluta: sono loro che mi sono venuti intorno!). E poi… ma che belle sono le lucertolone? Soprattutto la goanna che gonfia il collo per fare paura ai suoi nemici! Gli animali australiani sono meravigliosi!

  11. 11

    Voglio un Vombato!! Il super chiappettone!!! Ahahha lo adoro!!
    Articolor molto interessante è bello conoscere gli abitanti pelosi dei vari paesi!! Adorabili!

  12. 12

    woooow che scorpacciata di animali particolari 🙂 mi piacerebbe tantissimo andare in australia e in tasmania e mi piacerebbe tanto incontrare il wallaby, sembra cosi tenero

  13. 13
  14. 14

    Ma che articolo interessante, complimenti!! Certo che ne vorrei incontrare ed anche più di uno!!! Carinissimo il vombato, certo forse a distanza ravvicinata un po’ meno..

  15. 15

    Ma che articolo interessante, complimenti!! Certo che ne vorrei incontrare ed anche più di uno!!! Carinissimo il combat, certo forse a distanza ravvicinata un po’ meno..

  16. 16
  17. 18
  18. 20
  19. 22

    Che ridere l’ornitorinco, me lo ricordo sul sussidiario delle elementari, è molto buffo! Il vombato invece mi fa tanta simpatia! Io non sono riuscita ad arrivare fino in Tasmania, peccato direi!

    • 23

      Direi proprio di si! Mi auguro davvero tu abbia possibilità di andarci e di godere dì questo bellissimo posto

  20. 24
  21. 25

    Io amo vedere gli animali nel loro habitat naturale, alcuni di questi li ho visti allo zoo, ma che emozione sarebbe vederli nella loro natura selvaggia!

  22. 26

    Eccome Sono stata in Australia e, oltre ad aver accarezzato un wallaby, ho visto il rientro dei pinguini a Phillip Island. Tutti gli altri animali, all’interno dei parchi. Il diavolo della Tasmania è davvero brutto

  23. 27
  24. 28
  25. 29
  26. 30

    Uuuhhh me ne mancano ben tre: l’ornitorinco, la balia ventre rosa e il serpente tigre! Ma confesso che quest’ultimo lo eviterei molto, ma molto volentieri!!

  27. 31
  28. 32
  29. 33

    Mi piacerebbe incontrarli tutti, tranne la vipera! Il vombato è davvero carino ma se dici che graffia meglio stargli lontano 🙂

  30. 34

    La Tasmania ha gli amimali apparentemente più teneri e coccolosi del mondo e invece sono cattivi! Diciamo che da lontano li vorrei vedere tutti, tranne il serpente e l’emù, da piccola uno struzzo mi ha morso il dito e sono rimasta traumatizzata

  31. 35

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto